Castello di Poeke (Belgio)

Fiandre     Guarda la lista di castelli in Belgio

Poeke è derivato dal flusso con lo stesso nome "poca". Questa parola keltrica significa "il bello" o "il piacevole".

La più antica menzione di Poeke risale al 1155. Storicamente, il villaggio apparteneva alla fine dell'Ancien Régime (1789) nell'area amministrativa del Kasselrij Kortrijk e passò sotto il Roede van Tielt. Il villaggio probabilmente ebbe origine attorno al castello dei signori di Poeke.


Questi signori del castello erano nobili importanti nella contea medievale delle Fiandre. Dalla loro fortezza fortificata fortificata, sostenevano il controllo della valle di Leie dai Conti delle Fiandre. Nel 1452, durante una rivolta, gli abitanti delle città ribelli di Ghent conquistarono il castello. L'anno seguente Filippo il Buono, conte di Fiandra e duca di Borgogna, sconfisse gli occupanti senza pietà. Il castello fu completamente distrutto.

Fino al 1577, ciò che restava dell'edificio rimase in rovina. Nel 1597 la rovina passò nelle mani della nobile famiglia Preudhomme d'Hailly de Nieuport. Questi signori hanno ricostruito il castello nella prima metà del XVII secolo in una residenza rappresentativa e ricreativa. Il barone più famoso di questa famiglia, Karel Florent Idesbald (1721-1792), durante il Governatore del Governatore del tempo austriaco Karel van Lorraine, cercò di mettere su allevamento di bachi da seta nella tenuta. Questo fallì miseramente. La famiglia si impoverì nel corso del XIX secolo e nel 1872 fu costretta a vendere il castello alla famiglia Pycke de Peteghem.

Il nuovo signore aveva applicato il suo stemma nel frontone. Aveva anche le belle porte in ferro battuto erette di fronte all'edificio e ricostruiva radicalmente la facciata posteriore del castello allestendo una cappella al primo piano. Ha dato al rigoroso classicista una maggiore spavalderia aggiungendo numerosi elementi rococò. Il parco del castello, che in precedenza era classicisticamente lineare, (compreso il giardino anteriore, l'otto stelle) ha ricevuto anche numerosi impulsi romantici (trame di erba e foreste con linee e curve sorprendenti). Fornì anche una serie di nuovi edifici, tra cui la rimessa per le carrozze, un orto murato e un canile circolare con un centro e un forno.

Nel 1955 morì l'ultimo discendente del genere Pycke de Peteghem. L'edificio e il parco vennero per la prima volta nelle mani del vzw Duinen en Heide, una fondazione che si occupava di bambini abbandonati. Nel 1977, con la fusione dei comuni, il dominio divenne proprietà del comune di Aalter, che restaurò completamente il castello nel 1996-1997.

La prigione dei signori del castello, sul dominio stesso, era la fattoria più importante del villaggio. Inoltre, ci sono altre fattorie che esistono ancora, come il Goed in Leurbroek, il Goed ter Baenst, il Haveskerkegoed, il Goed in Landschoot, il Goed in Hollebeke, il Goed in Boris e il Goed ter Eken.

Alcune immagini del castello

Informazioni utili

Latitudine: 51.0412351
Longitudine: 3.4500457
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Poeke