Castello di Lavaux-Sainte-Anne (Belgio)

Vallonia     Guarda la lista di castelli in Belgio

Il castello di Lavaux-Sainte-Anne si trova a Lavaux-Sainte-Anne (5580) in Belgio vicino a Rochefort, nella provincia di Namur. Nel 1450 Giovanni II di Berlo ordinò la costruzione di questo castello. Di secolo in secolo l'edificio è stato rinforzato e ristrutturato. Lavaux-Sainte-Anne non ha occupato a lungo una posizione strategica.
Le origini
In epoca romana, la Famenne era attraversata da diverse strade secondarie. Uno di loro, proveniente da Givet e proseguendo verso Ave-et-Auffe, è passato per Lavaux a un centinaio di metri a nord del castello. Era delimitato da ville come quelle scoperte a Genimont o da fortezze come quella di Eprave. La creazione del Principato di Liegi renderà la regione di Lavaux una zona di confine con il vicino Ducato di Lussemburgo. Questo confine è protetto da fortezze come Agimont, Revogne, Lavaux e Rochefort. I signori di questo periodo provengono dalla famiglia “de Wellin”. La prima menzione nota di Lavaux risale al 1244; Jacques de Wellin si faceva chiamare Lavaux durante la sua vita.

Le guerre del XV secolo
Nel 1456, Louis de Bourbon, nipote del duca Filippo di Borgogna, divenne principe vescovo di Liegi. L'animosità e la sfiducia delle città di Liegi contro il duca di Borgogna crebbero e bande armate vagavano per il paese che non era più sicuro.

Jean II de Berlo, che a quel tempo era signore di Lavaux e di cui era nota la dedica al principe, divenne sospetto agli occhi del popolo di Dinant che voleva avere il controllo del castello di Revogne, infatti dipendeva militarmente dal châtellenie di Dinant e rappresentò in questa regione di confine un importante progresso per la città di Mosan. Gli scontri non hanno richiesto molto tempo. Il signore di Lavaux, che per primo aveva accettato un trattato di neutralità con i Dinantais (1462), si schierò chiaramente con il principe contro le città ribelli di Liegi e il duca Filippo lo inviò uomini d'arme per difendere Lavaux. All'inizio del 1463 fu completata la rottura tra Jean de Berlo e la città di Dinant. Il signore di Lavaux aveva trasportato tutto il cibo e le munizioni dal castello di Revogne al suo castello di Lavaux, dotato delle ultime migliorie militari e maggiormente in grado di resistere a qualsiasi attacco.

Durante l'estate del 1463, il castello di Lavaux dovette sostenere un assalto dei Dinantais, di cui non si conosce il risultato. I magistrati di Dinant hanno imposto multe e bando a coloro che avevano contribuito alla difesa del Lavaux. All'inizio dell'agosto 1464, una nuova spedizione di Dinant, a quanto pare più decisiva, contro Lavaux. Se il dungeon ha resistito, il resto è stato in gran parte distrutto. Questa fu la fine della resistenza a Lavaux. Jean de Berlo lasciò Lavaux per unirsi alla corte di Louis de Bourbon. In Famenne crescono disordine e insicurezza: Érard de La Marck, nemico della Casa di Borgogna, devasta le terre di Jean de Berlo con gli uomini d'arme di Liegi. Nell'agosto del 1468 il duca di Borgogna si fece signore di Revogne e Dinant.

La pace imposta dal figlio, Carlo il Temerario, stabilì che nessuno dei castelli distrutti durante la guerra sul territorio del principato potesse essere ricostruito tranne quelli dei fedeli sostenitori del vescovo, tra gli altri quelli di Jean de Berlo. Appena ripreso dalle terribili lotte con la Casa di Borgogna, la terra di Liegi stava per sperimentare la guerra civile. Guillaume de la Marck, sostenuto dal re di Francia, iniziò, nel 1482, una guerra in cui Jean de Berlo doveva essere ucciso con il suo principe vicino alla fontana di Basse-Wez. (Liegi) Alla fine del XV secolo il castello non era più abitato dai suoi padroni; solo la vecchia vedova di Berlo, vedova dal 1482, finì i suoi giorni nella fortezza diroccata. Profugo nel suo castello, Everard de Merode, signore di Lavaux-Sainte-Anne, vi fu assediato nel 1567 dal duca d'Alba.

Nel 1627, la signoria di Lavaux fu venduta a Denis de Pottiers, governatore di Bouillon, che la vendette rapidamente.

Il Rouveroit
Il 3 aprile 1630 il castello fu venduto al cavaliere Jacques Renard de Rouveroit, nativo di Herstal, colonnello di fanteria dell'imperatore. Questo giovane signore ha studiato l'arte della guerra in Renania presso la scuola militare per i giovani nobili dei Conti di Nassau. A Praga, il 16 giugno 1637, l'imperatore Ferdinando III gli concesse il titolo di barone del Sacro Impero. Si è sposato in data sconosciuta con sua cugina, Marie Valérie de Locquenghien, erede della signoria di Pamele ad Audenaerde. Con questo matrimonio, i Rouveroit diventano signore di Pamele e birra delle Fiandre (i quattro signori che scortano il conte delle Fiandre).

I tetti delle torri dei castelli del Reno hanno ispirato il nuovo signore di Lavaux? Sul sito del borgo di Val Sainte Anne, Jacques Renard costruì la fattoria del castello che esiste ancora. Henri Joachim de Rouveroit, pronipote di Jacques Renard, fece costruire lo scalone d'onore. È il massimo della raffinatezza per il castello ma anche il suo canto del cigno. Henri Joachim morì nel 1748. Aveva tre figlie, la maggiore delle quali, Amour Désirée, sposata a Lavaux nel 1753, il principe de Gavre, governatore di Namur che divenne l'ultimo signore di Lavaux. Il castello non sarà più abitato da padre Berard che funge da ufficiale giudiziario. Il dominio di Lavaux-Sainte-Anne sarà venduto nel 1810 dal figlio del principe de Gavre ai Malacord-Fischbach di Stavelot, che probabilmente non vi abiteranno mai.

Un uomo famoso ha vissuto nel castello per alcuni anni. Questo è Florimond Claude de Mercy Argenteau, nato il 20 aprile 1727, figlio di Thérèse Henriette de Rouveroit morta il 13 maggio 1729. Dopo la morte di sua madre, suo padre lo affidò a suo cognato, il barone de Rouveroit . Ha lasciato Lavaux all'età di 7 anni per studiare a Torino. Divenne ambasciatore d'Austria a Torino, Varsavia, San Pietroburgo e Versailles nel 1766 dove negoziò con Luigi XV il matrimonio tra l'Arciduchessa d'Austria Maria Antonietta e il Delfino, il futuro Luigi XVI.

Il ventesimo secolo
Abbandonato dai successivi proprietari, il castello di Lavaux-Sainte-Anne era in rovina all'inizio del XX secolo. Nel 1927, l'allora proprietario, Société immobilière Bernheim, lo lasciò in eredità all'organizzazione senza scopo di lucro Les Amis de la Commission royale des Monuments et des Sites 1, che pianificò alcuni lavori prima che Raymond Pelgrims prendesse in mano la situazione. Dal 1933 al 1939, il gigantesco restauro fu poi eseguito da Pelgrims - sotto il controllo della Commissione reale per i monumenti e i siti e dell'architetto Van der Hulst - grazie al patrocinio della baronessa Lemonnier 2. Dal 1933, il castello è appartenuto alla “Lega degli amici del castello di Lavaux-Sainte-Anne” che ne ha fatto il museo della caccia, trasformato in museo naturalistico nel 2005.

Alcune immagini del castello

Informazioni utili

Latitudine: 50.115868
Longitudine: 5.092501
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Lavaux-Sainte-Anne