Castello di Sant'Ilario (Cipro)

Distretto di Girne     Guarda la lista di castelli in Cipro

Proprio ad ovest della strada principale di Girne Lofkosa, nelle montagne di Besparmak, troverete i più castelli dei tre castelli crusader di Kantara, Buffevento e St Hilarion.

A 732m, St Hilarion si trova all'altezza centrale dei tre. È comunque di gran lunga il meglio conservato. Le pareti e le torri appaiono quasi a caso a spuntare le rocce, dando al castello un look di fiaba. Infatti si dice che abbia ispirato Walt Disney ad usarlo come disegno per il castello in Snow White e nei sette nani.

Il castello prende il nome da un eremita poco conosciuto che ha lasciato la Palestina durante il VII secolo per vivere e morire qui, purificando la montagna dei demoni pagani. Si dice che l'eremita fosse sorda in pietra, così è riuscita a resistere alle tentate grida dei demoni che hanno agitato con facilità le montagne. I demoni finalmente ammettono la sconfitta e lasciano Hilarion e la montagna in pace. Un monastero bizantino, e più tardi un forte si ergeva intorno alla sua tomba

Grazie alla sua impregnabile vicinanza, St Hilarion è stato uno degli ultimi castelli presi dai crociati nel 1191. Le fortificazioni furono migliorate dai Lusignani durante il primo XIII secolo e il castello fu il fulcro di una lotta di quattro anni con l'imperatore romano Frederick II per il controllo dell'isola fino a quando fu sconfitto nel 1232. Nei prossimi 140 anni, sontuosi appartamenti reali furono aggiunti in modo che il castello divenisse una residenza estiva. Serviva anche come luogo di fuga nel 1349 quando la Morte Nera spazzava l'isola e il numero stimato della catena morta da un quarto alla metà dell'intera popolazione.

Nel 1373, durante l'invasione genovese, il castello divenne nuovamente militarmente importante come il ritiro dell'infermiera Re Pietro II. Suo zio e reggente, Giovanni d'Antiochia, fu inganno dalla sua cognata ostile a credere che la sua guardia del corpo dei mercenari bulgari erano traditori, li avevano gettati uno alla volta dalla torre più alta del castello. Senza la sua protezione, John, che era stato coinvolto nell'omicidio del marito di Eleanor, è stato attirato a cena con Eleanor a Nicosia, dove era a sua volta prontamente dispacciata.

Quando i Veneziani presero in consegna nel 1489, si affidarono a Kyrenia, Nicosia e Famagusta per la difesa dell'isola, e abbandonarono St Hilarion ei suoi due castelli sorelle.

Sebbene i veneziani ritenessero obsoleti il ​​castello, si ripropone nuovamente nel 1964, quando i turchi ciprioti accusati lo utilizzarono come sede della loro enclave principale che includeva diverse comunità turco-ciprioti che si affacciavano sulla strada principale di Kyrenia Nicosia. Una piccola guarnigione di attivisti adolescenti ha potuto respingere gli attacchi di EOKA sul castello ei ciprioti turchi sono rimasti sotto controllo. Il castello ha ripreso la sua parte nel 1974 quando era al centro di una battaglia per il controllo di questo importante passaggio tra Cipro e Nord.

Sebbene St Hilarion sia ormai molto aperta al pubblico, la strada di approccio passa attraverso un'area militare, quindi è molto occasionalmente chiusa per l'accesso.

Dal parcheggio, l'ascesa impiegherà circa un'ora, più a ferma per ammirare la vista. Sebbene la prima sezione inizia con passi e percorsi concreti, alcune passerelle possono essere scivolose.

La prima parte del castello si incontra è il cancello principale e le pareti esterne, costruite dai Bizantini nell'XI secolo. Mentre il sentiero sale, passa una cisterna ancora usabile e le stalle. La prima struttura drammatica che si incontra sarà il portone principale con il suo arco, originariamente chiuso con un ponte levatoio. Lungo il passaggio si incontra la grande cappella del castello. È costruito con mattoni e blocchi di pietra e in pericolo di collasso è stato restaurato nel 1959. Sono visibili tracce di dipinti religiosi antichi, il loro stile risale a circa il 1150. Tuttavia la chiesa è considerata troppo grande per una guarnigione del castello e Si pensa che l'edificio bizantino è un restauro di un monastero, fondato intorno all'800. L'area intorno al castello fu originariamente parte di questo monastero e le stanze a nord e ad est di esso erano le cantine, la cucina e il refettorio. Sotto c'è un'altra serie di stanze pensate per essere barriere per i cavalieri crociati del XIV secolo.

Passando attraverso l'arco crusader, vi troverete nel cortile principale. A destra sono quelli che rimangono delle cucine e delle sale d'attesa. All'estremità più lontana sono gli appartamenti reali, raggiunti seguendo il piccolo sentiero attraverso il sottosuolo.

Il cortile del castello superiore risiede sotto la protezione naturale delle cime gemelle. I Lusignani lo chiamarono "Dieu d'Amor". I Romantici vedono il nome come riferimento alla leggenda dell'antica dea greca Afrodite, che ha forti legami con l'isola. Tuttavia è più probabile che sia una corruzione francese del nome bizantino originale per il forte, Didymus, la parola greca per "gemello".

La parte più ricca e più popolare del castello è l'elegante galleria con le sue due fantastiche finestre gotiche, una con i seggioli in pietra intatti. Questo è dove la regina Eleanor ha esaminato il suo regno, ed è conosciuta come la finestra della Regina. Se riesci a gestire un'ulteriore salita sugli scalini irregolari verso il picco meridionale, sarai ricompensato anche con vedute superbe. Fuori dal cortile principale troverete la torre del principe Giovanni del XIV secolo che si erge su un promontorio roccioso. Era qui che la guardia del corpo del principe John è affermata di aver raggiunto la sua fine.

Durante l'estate, arrivate presto o tardi nel giorno, se è possibile. Le calzature di Stout sono essenziali. Fai attenzione a molte gocce lunghe ovunque, soprattutto quando prendi i bambini. Dopo il vostro sforzo, ci sono rinfreschi disponibili presso il caffè presso il parcheggio.

Alcune immagini del castello

Altri castelli in Cipro

Informazioni utili

Latitudine: 35.311432
Longitudine: 33.281086
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Sant'Ilario