Castello della Hunaudaye (Francia)

Bretagna     Guarda la lista di castelli in Francia

Il castello di Hunaudaye, costruito per la prima volta nel XIII secolo e ricostruito nel XV e XVI secolo, si trova sul territorio del comune francese di Plédéliac, nella Côtes-d'Armor, in Bretagna. È stato classificato come monumento storico dal febbraio 1922 e dal novembre 1930.

Pierre de Dreux, duca di Bretagna, non riconoscendo i diritti di Enrico I sulle sue terre a Penthièvre se ne appropria rivendicando i diritti di eredità di sua moglie Alix, come nipote di Conan IV. Per consolidare la sua posizione in questa regione, si sarebbe affidato a Geoffroy e Olivier Tournemine, rispettivamente marito e figlio di Eline, lei stessa sorella di Geoffroy Boterel III, conte di Penthièvre8.

Nel 1214, Pierre de Dreux, dà la foresta di Lanmur (attuale foresta di Hunaudaye) a Olivier Tournemine, poi lo autorizza, nel 1220, a costruire lì il forte castello di Hunaudaye e gli dà anche il visconte di Pléhérel.

L'obiettivo perseguito con la costruzione di questo castello era probabilmente quello di monitorare il Poudouvre (paese di Dinan) il cui confine con Penthièvre (paese di Lamballe) era formato dall'Arguenon, un corso d'acqua situato a due chilometri di distanza. Henri I d'Avaugour si era effettivamente rifugiato nel Poudouvre e avrebbe potuto prendere in considerazione la rivendicazione della sua terra.

Il castello è costruito in una conca paludosa che era stata occupata dal IV secolo da un accampamento militare gallo-romano [rif. necessario]. Avrebbe preso il nome dalla vicinanza dell'attuale villaggio di Saint-Jean, che è molto più antico di lui, e che allora veniva chiamato "città di Hunaudaye".

L'origine della casa Tournemine è piuttosto controversa11:

un libro di memorie del XVI secolo evoca il sostegno che Pierre de Dreux [Quale?] avrebbe ricevuto da un conte Édouard Tournemine per combattere contro il re di Francia; Pierre de Dreux gli avrebbe poi dato in feudo La Hunaudaye intorno al 1220.
secondo Augustin du Paz, Olivier Tournemine sarebbe un discendente di un cavaliere inglese Edouard con il soprannome di Tournemine, venuto in aiuto di Conan IV per recuperare il ducato di Bretagna che Eudes 12 aveva sequestrato;
Olivier Tournemine proviene da una nobile famiglia del Cantal ancora esistente, la famiglia di Tournemire (dubbio) [rif. necessario];
...
Con la costruzione del castello della Hunaudaye, la famiglia iniziò un'ascesa sociale che li avrebbe portati ai massimi livelli di potere. Rimarrà proprietaria del castello per tre secoli. Nel XIII secolo i Tournemines aggiunsero una seconda roccaforte a La Hunaudaye a est di Lamballe.

Durante i primi giorni, il castello della Hunaudaye non sembra aver conosciuto alcun assalto. Fu solo durante la Guerra di Successione in Bretagna (1341-1364) che fu attaccata per la prima volta. Questa guerra contrappone due grandi signori bretoni che competono per la corona ducale: da una parte, l'esercito di Jean de Montfort, presto sostenuto dagli inglesi, dall'altra, la famiglia di Penthièvre, alleata della famiglia di Blois, e presto appoggiata dai francesi. A quel tempo, la Bretagna era ancora un ducato indipendente, e non fu ufficialmente annessa al Regno di Francia fino al 1532. Il conflitto tra il Montfort e il Penthièvre si sarebbe trasformato in una vera guerra civile. I Tournemines si schierano con il Penthièvre. Il loro castello fu poi attaccato dall'esercito monfortano e dagli inglesi. Non resiste all'assalto e viene distrutto. I Tournemines pagano un caro prezzo per questa guerra che ha devastato tutta la Bretagna. La famiglia ha perso non solo la loro roccaforte, ma anche tre dei loro uomini.

Louis Moréri scrisse nel 1759 una biografia dettagliata di tutti i membri dei diversi rami della famiglia Tournemine (il ramo più anziano era Signore di La Hunaudaye, ma molti rami collaterali prosperarono tra cui quello di Tournemine de La Guerche, signori di La Guerche en Retz ( il suo membro più noto era François de Tournemine de La Guerche), quello di Camsillon, quello dei Signori di Coëtmeur (a Landivisiau) 13.

Pierre Tournemine14, il più giovane, è l'unico a sopravvivere a suo padre e ai suoi due fratelli. Fu lui che iniziò la ricostruzione, a partire dal 1367. I lavori furono affidati all'architetto di Hersadaye e furono completati poco più di un secolo dopo, nel 1474, alla morte di Gilles Tournemine15. Viene progettato un progetto architettonico complessivo, che tiene conto delle innovazioni militari e conferisce al castello la sua forma attuale: alla piccola torre ovest e alla torre sud-est si aggiungono tre nuove torri (sud-ovest, nord-ovest, nord) di simili dimensioni, così come nuove facciate continue. Gli edifici residenziali formavano tre ali che possono essere viste ancora oggi. Il castello avrebbe avuto una cappella privata servita da un cappellano senza che le fonti indicassero che apparivano veramente autentiche.

La ricostruzione è lunga, ma i lavori successivi sono in programma. Questa ricostruzione è stata resa possibile in una fiorente Bretagna nel XV e XVI secolo. Il dominio di Hunaudaye fu eretto in baronia nel 1487 in favore di François Tournemine16 (da non confondere con François de Tournemine de La Guerche). Nel ducato, i Tournemines stanno acquistando importanza. La famiglia ora fa parte dell'entourage del Duca. Per gli uomini di famiglia si susseguono missioni politiche, militari o diplomatiche. Le mogli vengono nominate compagne delle varie duchesse. Le terre dipendenti dal castello si estendono su più di 80 parrocchie. Il castello viene risparmiato dai guai della Lega (1592-1598), i campi opposti avendo concordato una neutralità del castello.

Alla fine del XVI secolo, tuttavia, la famiglia Tournemine si estinse in una posterità senza un ragazzo. I diversi proprietari di La Hunaudaye si susseguono secondo l'eredità. Queste famiglie continuarono per un po 'lo sviluppo del castello; le modifiche apportate sono fatte principalmente per il bene del comfort e della decorazione. La nuova scala cerimoniale è quindi attribuita a Sébastien de Rosmadec. Il castello viene poi progressivamente abbandonato, tanto che la scala realizzata da Rosmadec sarà l'unica vera modifica apportata tra la fine del Cinquecento e la Rivoluzione Francese. Nel 1783 il castello fu venduto al marchese de Talhouët, futuro sindaco di Rennes.

Durante la Rivoluzione, il castello fu nuovamente distrutto nel 1793. Quell'anno, infatti, i Chouan vagarono per il paese. Andando a nord, hanno appena attraversato la Loira e si stanno dirigendo verso la Bretagna. L'amministrazione del distretto di Lamballe teme che Hunaudaye serva da ritiro e decide di smantellarlo. Infine, un gruppo di rivoluzionari di Lamballe interviene più o meno legittimamente e brucia il castello. I mobili, gli archivi, i tetti ei pavimenti in legno scompaiono. Il ponte levatoio e le tende sono abbattuti. Inizia quindi un lungo periodo che si protrarrà fino all'inizio del Novecento, durante il quale il castello fu utilizzato come cava di pietra.

È stato classificato come monumento storico nel 1922; gli appezzamenti che lo circondano nel 1930. Nel 1930, il crollo della cortina nord e della torre della ghiacciaia indusse lo Stato a riacquistare il monumento per effettuare lavori di conservazione. I primi furono eseguiti urgentemente nel 1932, dopo il crollo della torre della cappella. La muratura crollata è stata rimontata e tutte le pareti sono state trattate con colata di cemento. Il cortile viene sgombrato e la torre nera viene consolidata. Nel dopoguerra sono proseguiti i lavori con il puntellamento della torre militare nel 1949, poi, tra il 1955 e il 1962, il consolidamento della muratura delle cinque torri. Mentre i consolidamenti sono proseguiti senza l'urgenza che avevano assunto nei decenni precedenti, lo Stato ha iniziato nel 1968 a mettere in sicurezza il sito, in seguito alla caduta accidentale di un visitatore.

È anche in questi anni che i fossati vengono sgombrati. La torre della cappella è protetta da una copertura in cemento armato. Dal 1977, il castello è gestito, mantenuto e valorizzato dall'associazione Château de la Hunaudaye. La proprietà del castello è passata dallo Stato (Ministero della Cultura) al Consiglio Generale della Côtes-d'Armor il 1 ° febbraio 20081. Sono state quindi apportate alcune modifiche per consentire l'apertura al pubblico del sito, come i servizi igienici, o tre stanze nella torre nera. Il ponte levatoio è ricostruito, senza il suo meccanismo.

Alcune immagini del castello

Informazioni utili

Latitudine: 48.4727841
Longitudine: -2.3389627
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello della Hunaudaye