Castello di Costaérès (Francia)

Bretagna     Guarda la lista di castelli in Francia

Il termine chateau è abusato: si tratta infatti di un grande palazzo in stile neomedievale caratteristico delle grandi case di villeggiatura di fine Ottocento sulla costa di granito rosa.

L'edificio, con una volumetria complessa derivante da diversi ampliamenti, è realizzato in granito rosa proveniente dalle cave di La Clarté, distretto di Perros-Guirec. Il tetto è in ardesia.

Il suo interno è stato progettato con legno di recupero da un tre master arenato nell'inverno del 1896, il Mauritius.

La villa fu costruita su un isolotto acquistato da Bruno Abakanowicz (detto anche Bruno Abdank, che costruì poco dopo intorno al 1896 l'hotel Bellevue a Ploumanac'h), ingegnere e matematico di origine polacca alla fine del estate 1892 all'ufficiale doganale René Le Brozec, un Perrosien che vi coltivava patate e disidratava licheni e pesce. La transazione all'epoca era di 0,25 franchi al metro quadrato. Fu completato intorno al 1896 dall'ingegnere Lanmoniez e dall'imprenditore di Lannionnais Pierre Le Tensorer2.

Dopo il 1900, data della morte del proprietario, sua figlia Sofia Abakanowicz, che era diventata Madame Poray, fece ampliare la villa di un'ala a ovest in cambio della facciata posteriore.

Durante la seconda guerra mondiale la villa fu requisita dall'esercito tedesco e subì alcuni danni interni.

In seguito ai lavori di copertura, il 6 settembre 1990, un incendio distrusse parzialmente l'interno dell'edificio.

L'immagine di questo castello sul suo isolotto è spesso utilizzata per illustrare cartoline e guide turistiche della rosa della Côte de granit, della Côtes-d'Armor e della Bretagna.

Alcune immagini del castello

Informazioni utili

Latitudine: 48.835287
Longitudine: -3.4927219
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Costaérès