Castello di Tonquédec (Francia)

Bretagna     Guarda la lista di castelli in Francia

E 'a sud di un antico tumulo feudale si trova alla fine dello sperone roccioso che domina la valle Léguer che è stato costruito il castello dei signori di Coëtmen a Tonquédec.

Di proprietà di un Prigent, signore di questo luogo alla fine del XII secolo, accade grazie al matrimonio di sua figlia nella famiglia Coëtmen che mantenne la proprietà fino agli inizi del XVI secolo. Durante la successione le guerre che insanguinarono il ducato della Bretagna, il primitivo castello di pietra fu in gran parte distrutto nel 1394.

Dal 1406 e dopo essere stato affiancato dal duca di Bretagna, Roland III Coëtmen intraprende la ricostruzione della casa del Nord e della sua ala est. Nel corso del XV secolo, i suoi successori si adopereranno per ampliare, completare, modernizzare e adattarsi allo sviluppo dell'artiglieria. È da questo periodo che la maggior parte degli edifici che conosciamo oggi risalgono.

Nella prima parte del XVI secolo fino alla prima metà del XVII secolo, attraverso l'eredità, la tenuta divenne proprietà della famiglia di Acigné poi famiglia Gouyon Moussaye, che provvedere alla riparazione e supplemento del recinto del cortile anteriore.

Nella prima metà del XVII secolo, dopo lo smantellamento dell'edificio per ordine di Richelieu, il castello fu venduto alla famiglia Quengo. Subendo un lungo declino nei secoli successivi, il tutto viene venduto nel 1879 ad un mercante che intende sfruttarlo nelle pietre di cava.

Mentre sua figlia sposò il conte Pierre de Rouge, il marchese de Kerouartz riesce ad acquisire le rovine del castello e offre la sua famiglia figlia Coëtmen viene estinto in quello di Rouge nel 1749. L'ultimo barone Coëtmen, prima della rivoluzione, era ben Bonabes Louis Alexis Victurnien (1778-1838), marchese de Rouge, futuro pari di Francia e di un brigadiere, il nonno del conte Pierre de Rouge (1855-1912).

Il castello di Tonquédec è stato classificato tra i monumenti storici dalla lista del 1862.

A partire dagli anni '50, importanti lavori di consolidamento e cristallizzazione delle rovine sono guidati dai proprietari, sotto la direzione dei successivi architetti, con l'aiuto del dipartimento, della regione e della regione. Stato.

La maggior parte dei resti si consolidano alla fine degli anni '90 e conferiscono al castello l'aspetto attuale. L'ultimo intervento (Rouge Tower o North Dungeon) si è svolto nel 2005-2006.

L'insieme castrale, costituito da due spazi distinti, ha una morfologia legata alla topografia del sito su cui è stabilito: nel Nord è una corte alta il cui accesso è controllato da un castello con un ponte levatoio oggi andato.

Si tratta di una piazza attorno alla quale ha organizzato le rovine di case e diversi turni (torre Rouge e la torre di Acigné), ha ospitato la zona giorno e le parti nobili del castello. A sud si trova un cortile anteriore o un basso cortile circondato da spesse mura di facciata situate oltre il fossato e destinate a proteggere l'involucro originale dal progresso dell'artiglieria.

Il castello di Tonquédec presenta oggi un insieme architettonico coerente con le sue undici torri, tra cui due sotterranei collegati all'edificio principale da un ponte levatoio.

L'edificio è una grande testimonianza dell'architettura militare del Medioevo ed è anche un luogo ideale per scoprire l'artigianato, l'arte della guerra e la vita quotidiana in un castello tra il Dodicesimo e sedicesimo secolo.

Alcune immagini del castello

Informazioni utili

Latitudine: 48.6762128
Longitudine: -3.4112968
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Tonquédec