Castello di Montreuil-Bellay (Francia)

Loira     Guarda la lista di castelli in Francia

La prima cittadella fu costruita nell'undicesimo secolo da Foulque Nerra, conte d'Angiò, sulle fondamenta di un oppidum romano. Un guerriero instancabile, un costruttore insaziabile, Foulque Nerra, noto come il Falco Nero, appartiene alla stretta cerchia dei fedeli del Re di Francia, Hughes Capet.

La sua progenie nata la dinastia dei Plantageneti che regnava sull'Inghilterra 1154-1485, tra cui: Geoffrey Plantageneto, Enrico II e sua moglie Eleonora d'Aquitania, Riccardo Cuor di Leone, re Giovanni ... Alcuni di loro si trovano all'Abbazia di Fontevraud.

Nerra Folco dice la cittadella al suo vassallo Berlay Giraud, è diventato Bellay e Montreuil-Bellay ha vinto la sua reputazione sito mozzafiato sul fronte delle lotte tra il trono e la corona Angletere Francia. Ci vorranno tre anni, tra il 1148 e il 1151, per permettere a Geoffroy Plantagenet, conte di Anjou, di ridurre la resistenza contro di lui Giraud II Berlay.

L'attaccamento del Berlay alla corona di Francia conduce il re Filippo Augusto nel 1208 e il re Luigi VIII nel 1224 per tenere la loro corte al castello di Montreuil-Bellay.

Nel XIII secolo, Montreuil-Bellay, circondata dalle immense foreste delle Seigneurie, è un grande centro di venere e falconeria. Le sontuose feste si stanno moltiplicando.

Nel XIV secolo inizia la Guerra dei Cent'anni. Gli affamati si rifugiano nei fossati del castello e nei vicini monasteri, mentre il signore di Montreuil-Bellay, William de Melun-Tancarville muore gloriosamente nel 1415 nella battaglia di Azincourt. Suo nipote, Guillaume d'Harcourt, sposa Yolande de Laval, cognata del re René.

Enrico II d'Orleans, duca di Longueville, eredita il castello. Ambasciatore, firmò nel 1648 il Trattato di Westfalia che pone fine alla Guerra dei Trent'anni. Sua moglie, Geneviève de Condé, istigatrice della Fronda con suo fratello, il Grand Condé, è costretta da Luigi XIV ad esiliare dietro le mura del suo castello di Montreuil-Bellay. Lei conduce con i suoi molti ammiratori, tra cui La Rochefoucault e Turenne, per annoiarsi.

Scoppiano le guerre di religione: cattolici e protestanti verranno a rifornirsi a vicenda con armi e munizioni a Montreuil-Bellay.

Durante la rivoluzione, Jean-Gran Bretagna di La Trémoille, Signore di Montreuil-Bellay, rimane fedele al re Luigi XVI. La sua pesante carica di maresciallo lo tiene lontano dal suo castello, che sarà requisito e trasformato in una prigione per donne monarchiche.

Dopo la rivoluzione, il castello fu acquistato da un ricco mercante di Saumur la cui figlia sposò il barone Alexandre Adrien de Grandmaison, ufficiale della guardia di Carlo X. Saranno riabilitare il Castello di essi lasciare in eredità al nipote George Grandmaison, pronipote del generale Mouton, conte di Lobau, maresciallo di Francia, aiutante di campo dell'imperatore Napoleone I °.

Georges de Grandmaison, sindaco di Montreuil-Bellay per 16 anni e parlamentare del distretto di Saumur per quasi mezzo secolo, apre il castello ai feriti della guerra del 14-18. Quasi 1.200 soldati saranno trattati in questo insolito ospedale.



Il castello appartiene ancora alla stessa famiglia, che si sforza di mantenerlo per condividere la sua gloriosa storia e bellezza.

Alcune immagini del castello

Informazioni utili

Latitudine: 47.1330696
Longitudine: -0.1542868
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Montreuil-Bellay