Castello di Peyrelade (Francia)

Occitania     Guarda la lista di castelli in Francia

Castello Peyrelade è stata una delle più importanti fortezze di Rouergue. Con la sua posizione, controllava la valle e le gole del Tarn e la sua influenza estesa ai limiti della Séveragais, Linguadoca e Gévaudan.

Il nome deriva dal latino Peyrelade "Petra Lata" che significa "grande pietra". Alcuni oggetti scoperti suggeriscono che il sito è stato frequentato da uomo preistorico.


STORIA

Il castello esisteva nel XII secolo e apparteneva quindi a Ahenric. Dopo molti contrasti, cause legali e le guerre, molti signori si susseguiranno e dopo Séverac, il Anduze (1129), i Visconti di Creissels, il Roquefeuil, i quattro signori condiviso.

Durante la Guerra dei Cent'anni, il Trattato di Brétigny (1360) ha dato il Rouergue a Inglese. La regione ha conosciuto la guerra.

Nel 1367, il castello è stato preso su strada che sono stati guidato dallo stesso anno l'inglese. Nel 1369, Guy de Séverac li cacciò dalla regione.

Nel 1385, Bernard d'Armagnac bruciato Peyrelade dopo tre mesi di assedio.

Nel 1390, una società su strada si trasferisce a Peyrelade e saccheggiata la campagna.

Durante le guerre di religione, Peyrelade è stata successivamente occupata da cattolici e calvinisti (1580), che ha fatto frantumare la porta della torre con un ordigno esplosivo chiamato "petardo" e poi ripreso dai cattolici (1581 ). C'era un sacco di rapina durante questo periodo.

cortile; la porta si trova proprio sotto la torre per aprire gola
Quando è stato smantellato nel 1633, apparteneva alla famiglia di Puel. E 'ora di proprietà del comune di Rivière-sur-Tarn.

Il villaggio dove vivevano i servi e contadini è stato costruito ai piedi della grande roccia, al riparo dai venti settentrionali.

vita contadina era molto doloroso. Viaggi e trasporti era a dorso di mulo.

Nel XII secolo, ci sono stati 89 case abitate; sotto Luigi XI nel 1480, ci sono stati 70 e nel 1920 c'erano solo quattro famiglie.

L'ultimo abitante, nato il sito, ha lasciato il paese nel 1963.


ARCHITETTURA

Il sito è dominato da una grande roccia a forma di incudine, alto 50 metri e largo da 10 metri. La sua vetta, a 600 metri sopra il livello del mare si trova a 200 metri sopra il Tarn.

Tre muri spessi in gravidanza in tutto il dungeon. L'involucro esterno è stato di circa 250 metri di lunghezza e 10 metri di altezza. Il suo spessore ha raggiunto 2,10 metri e circondato il villaggio e il castello. Questo grande muro era più spessa lato nord perché più vulnerabile agli attacchi e macchine da guerra per i cannoni.

Due porte davano accesso al primo contenitore: la porta di Boyne che ancora esisteva nel 1930 e quella di Fontaneilles scomparso.

Si distingue ancora Coursières e traccia la passerella.

A est è stata la Place d'Armes, dove si sono svolti i festeggiamenti e le esecuzioni o punizioni a volte. ma ha anche proceduto alla elezione dei Consoli o fondazione, che giurarono al Signore su una croce di pietra.

lata petra incudine a forma di
Nei boschi di Elzède (nome della quercia in occitano) e le pareti esterne sono le rovine della cappella "Saint-Christol", che serviva da avamposto.

Un'altra cappella era probabilmente si trovano all'interno del castello, ma gli scavi archeologici non consentono il posto.

Diverse case dove le persone vivevano i signori del castello diversi (notai, cancellieri, giudici, ufficiali di polizia ..) sono stati nel primo contenitore (punto giallo) sul lato nord del castello.

Il secondo involucro protetto l'ostello o casa nobile. E 'stata la dimora dei signori che non risiedono in modo permanente.

Le pareti della terza camera sono appena visibili. Erano l'ultimo baluardo intorno alla roccia turriforme. Il castello fu probabilmente smantellato nel 1633 per ordine di Richelieu, per renderli signori meno potente e più sottoposto al re. Tuttavia, la più grande distruzione è stato causato dagli abitanti del villaggio che hanno preso pierrres per costruire i villaggi di Boyne e Rivière-sur-Tarn.

Il cortile era un rifugio per gli abitanti del villaggio, che li ha portati i loro animali e le attrezzature in caso di attacco prima di salire i merli. Come ultima risorsa, ci siamo rifugiati nel dungeon è costituito da roccia. E 'stata una difesa naturale coronata dalla casa.

La torre rotonda adiacente la roccia è solo per l'accesso alla prigione, le sue aperture insolite rendono molto arcaico e di difficile datazione.

La porta posta a metà altezza, accessibile da un ponte levatoio, che permette di raggiungere la cima della roccia tramite scale in legno che collegano tre piani.

Normalmente, non viviamo il dungeon che era in realtà una torre di guardia e ultimo rifugio in caso di guerra. L'equipaggiamento del mastio e la torre ammessi gli assediati per richiedere diverse settimane. Un porterne permesso di rifornimento o uscite senza essere visto. Nella parte inferiore della torre, una cella è stato utilizzato per arrestare i criminali.

Un serbatoio di recupero acqua piovana dai tetti (6.000 litri). Una camera è fornita di un forno per il pane. L'accesso alla prigione era protetto da stordire che abbiamo gettato proiettili ai assalitori sono arrivati ​​nella torre dopo spingendo la porta.

I fori cartelloni suggeriscono che una galleria di legno era un passaggio attorno alla torre che probabilmente è stato coperto.

In sua difesa, questo forte richiesto cinque a seicento uomini.


RESTAURO

Nel corso del 1970, la città sul fiume Tarn ha deciso di scavare e di backup pesante e un programma che continua ancora oggi ripristino. Nello stesso anno, i nuovi residenti hanno intrapreso la riabilitazione di villaggio in rovina per rendere la loro residenza principale.

Oggi, due famiglie che vi abitano sono durante l'anno sul sito.

Alcune immagini del castello

Informazioni utili

Latitudine: 44.19502
Longitudine: 3.148559
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Peyrelade