Castello di Bardi (Italia)

Emilia-Romagna     Guarda la lista di castelli in Italia

Allo stato attuale non è nemmeno l'ultimo dei vecchi montanari che vivono in quelle reali città fantasma della nostra zona - i borghi intorno a Bardi come Caneto e Agneto, villaggi desolati di pietra che sopravvivono all'interno di un abbandono spettrale - il nome di 'Barrio' riflette questo. Tuttavia tra le vecchie leggende secolo che circondano Bardi, quello sulla elefante di Annibale (l'ultimo dei 37), che è morto in solitudine sulle rive del fiume Ceno lasciando in eredità un nome suo proprio posto, è stata la più difficile da dare in storico verità. E 'ormai noto che il nome Bardi risale fino a 600 dC quando un gruppo di combattenti Longobardi, il Arimanni, accampati sotto le scogliere del colore del sangue, promontorio roccioso che domina la zona. Nelle vicinanze era un bosco e un fiume; che era sufficiente a suscitare l'idea di avviare un villaggio.
E il castello? Si doveva aspettare un paio di anni per passare e un grosso pezzo di Medioevo troppo. Nelle pianure i barbari regnavano, razzie e violenze facevano parte della vita quotidiana. Un cattivo vento soffiava per il venerabile Evarardo, il vescovo di Piacenza. Che cosa avrebbe potuto essere migliore rispetto alla ricerca di fuga in modo perfettamente nuovo castello costruito da una ripida e unstormable, rupe rocciosa? E così è stato. Il terrore dei raid Ungari feroci ha causato il vescovo di acquistare la metà della rocca di Bardi che poi è diventato oggetto di vari passaggi di proprietà. Infine, a metà del XIII secolo, il castello passò alla famiglia Landi: da quel momento in poi le vicende storiche ed economiche, per non parlare delle sorti del maniero, è rimasto indissolubilmente legato a questa famiglia piacentina che ha creato un proprio centro potente per 425 anni. Era Ubertino Landi, un combattente oscuro, selvaggio e indomito di acquistare fino al castello, la metà distrutta dalle incursioni di Pallavicino, signore di Piacenza e di trasformarla in una fortezza.
Nel 1381 Gian Galeazzo Visconti ha dato riconoscimento alla Signoria Landi e dal 1415 ha permesso loro completa indipendenza: da quell'anno Bardi è diventata la capitale dello Stato Landi, compreso il territorio della Val Ceno e dell'alta Val Taro. Poi, nel XVI secolo, il maniero imponente divenne principato, a causa della volontà dell'imperatore Carlo V. Una delle parti più antiche della fortezza è il 'Mastio', risalente al 1200, originariamente adattato ad abitazione e poi trasformato in una prigione. Sotto la cura della Landi, il castello fu trasformato da fortezza militare a una dimora nobile, attraverso la realizzazione di eleganti appartamenti, affreschi, giardini, fontane e una grande biblioteca. Voci raccontano la storia che la fortezza è sempre stato abitato da un gruppo di belle fantasmi. Neppure è la camera orribile delle torture mancanti, in cui l'ascia del boia è stato lasciato in piena vista. Inoltre, di recente un antico manoscritto è stato trovato, che è la prova dell'esistenza di un tesoro sepolto nel castello.

Alcune immagini del castello

Altri castelli in Italia

Rocca di Anfo

Lombardia

Castel Wolfsthurn

Trentino-Alto Adige

Castel Thun

Trentino-Alto Adige

Informazioni utili

Latitudine: 44.6292201
Longitudine: 9.7310436
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Bardi