Castello di Rabí (Repubblica Ceca)

Boemia     Guarda la lista di castelli in Repubblica Ceca

Il nucleo del castello fu costruito nella metà del XIV secolo come torre di guardia, difesa e alloggio. Il castello aveva un'ottima posizione. Il suo compito era in primo luogo difendere la rotta commerciale, che collegava le due città: Sušice e Horažďovice e, in secondo luogo, difendere il lavaggio dell'oro lungo il fiume e nel fiume Otava.

La prima relazione scritta in nostro possesso risale all'anno 1380, quando i legittimi proprietari erano membri della più importante e influente famiglia nobile boema - "La famiglia Rosenberg". La famiglia Švihovský di Rosenberg acquistò il castello o lo ottenne tramite matrimonio dalla nobile famiglia di Velhartice durante il XIV secolo. A cavallo del XV secolo il castello fu ricostruito e fortificato. Da allora è diventato uno dei castelli più massicci e più sicuri della Boemia. È accaduto molto probabilmente a causa delle battaglie tra i sostenitori del re Venceslao IV e membri dell'unità signorile, alla quale apparteneva anche il proprietario del castello, Břeňek Švihovský di Rosenberg.

Jan di Rosenberg ottenne l'intera tenuta con il castello nell'anno 1407. Jan (Giovanni) di Rosenberg era conosciuto come un personaggio politico pubblico e in seguito come nemico del movimento hussita. Questo è il motivo per cui gli eserciti hussiti due volte assediarono il castello e due volte sequestrarono , precisamente nel 1420 e nel 1421. Jan Žižka perse il suo secondo occhio nel secondo assedio del castello. Questo evento ha messo il castello di Rabi sulla mappa.

Il castello passò a Wilhelm Junior di Rosenberg dopo la morte di Giovanni di Rosenberg e poi il castello cadde a suo nipote, Půta II Švihovský di Rosenberg. Půta Švihovský era enormemente ricca e la sua fortuna e l'alto rango nella società (il più alto provinciale) gli hanno permesso di ricostruire magnificamente il suo castello. La ricostruzione condotta dall'abile architetto Benedict Rejt. Massicce mura con bastioni di artiglieria avanzata circondavano il castello. Půta era molto ricco, ma non più i suoi figli. I suoi figli, che avevano il Castello dal 1504, erano purtroppo indebitati e furono costretti a svendere i loro beni. Nel 1548 dovettero vendere anche il castello di Rabí.

In tempi successivi, molti proprietari vivevano nel castello: Henry Kurcpach di Trachenberg, Diviš Malovec di Libějovice, Wilhelm Rosenberg. L'ultimo possessore importante fu Adam Chanovský di Dlouhá Ves - la sua famiglia aveva il castello fino all'inizio del XVIII secolo. Dopo la Guerra dei Trent'anni l'edificio passò alla nobile famiglia dei Lamberg, ma il Castello era già desolato in questo periodo.

La distruzione finale provocò un incendio nel 1720, in seguito servì al Castello come fonte di pietra da costruzione per gli abitanti dei villaggi. La famiglia aristocratica di Lamberg ha ceduto il castello alla "Società per la conservazione dei monumenti artistici, storici e naturali" nel 1920. Il prezzo simbolico era 1, - Kč. In questo periodo, il castello fu riparato e salvato dal crollo totale. Nel 1945 il Castello viene nazionalizzato e nel 1978 viene proclamato Monumento Culturale Nazionale.

Alcune immagini del castello

Altri castelli in Repubblica Ceca

Castello di Frýdlant

Regione di Liberec

Castello di Konopiště

Boemia centrale

Castello di Hluboká

Boemia meridionale

Castello di Helfenburk

Boemia Meridionale

Castello di Kokorin

Boemia centrale

Informazioni utili

Latitudine: 49.2791829
Longitudine: 13.618524
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Rabí