Castello di Bory (Ungheria)

Transdanubio Centrale     Guarda la lista di castelli in Ungheria

Il castello fu costruito da Jenő Bory (1879-1959), scultore e architetto, scultore al College of Fine Arts e architetto all'Università di Tecnologia, per 40 estati sulla base dei suoi piani e della sua immaginazione, commemorando il suo amore coniugale e sogni artistici.

Il terreno del castello, su cui originariamente sorgeva solo una cantina di vini tra vigneti e alberi da frutto con la casa della pressa appartenente, fu acquistato nel 1912 da Jenő Bory. Ha poi ampliato la casa della stampa in un appartamento e ci ha costruito uno studio sopra. Non iniziò a costruire il castello fino a dopo la prima guerra mondiale, quando poté spendere per esso dalle royalties dei suoi moltiplicati ordini scultorei.

Ha continuato la costruzione, la continua scalpellatura dei dettagli e il restauro dopo la seconda guerra mondiale fino alla sua morte. Per lo più lavorava da solo, facendo affidamento sulle sue due mani, utilizzando fino a qualche aiuto occasionale. Era un architetto qualificato, ma non era guidato nel suo lavoro da specifici disegni di ingegneria, ma piuttosto dalla sua ispirazione per l'immaginazione e l'adattamento a specifiche condizioni del terreno. Le mura che crescono lentamente, le forme delle torri, gli spazi che abbracciano erano il risultato della stessa visione artistica delle sculture, quindi il Castello di Bory non è altro che un'opera d'arte scultorea che assume forme e dimensioni.

Passeggiando per il castello, il visitatore può sentire passo dopo passo che il materiale che rimbalza ancora e ancora non è altro che cemento. Piuttosto precisamente, il cemento al quarzo preferito da Jenő Bory. All'inizio del ventesimo secolo, il cemento è apparso come materiale che rinnova l'architettura e uno dei primissimi utenti in Ungheria è stato Jenő Bory. Con questo materiale sono stati realizzati infissi di porte e finestre, colonne, cupole, ringhiere e scale, così come fontane da giardino, piscine, sculture e rilievi, di varie dimensioni.

Il castello era abitato da artisti contemporanei, nonché dalla moglie di un pittore, Ilona Komócsin (1885-1974) e dalle sue opere d'arte. C'è una mostra di sculture e quadri nello studio. Le versioni originali delle sculture in gesso sotto il porticato del Cortile delle Cento Colonne si trovano ancora oggi in vari insediamenti del paese, fuse in bronzo o scolpite nel marmo. In fondo al cortile, nella Cappella, attende i visitatori una statua dell'Amore Maritale.

Oggi, il castello di Bory è di proprietà dei discendenti di Jenő Bory e il castello è mantenuto e gestito con l'aiuto delle fondamenta che hanno stabilito.

Alcune immagini del castello

Altri castelli in Ungheria

Castello di Visegrád

Ungheria Centrale

Castello di Eger

Ungheria Settentrionale

Castello di Boldogkő

Ungheria Settentrionale

Castello di Andrassy

Grande Pianura Settentrionale

Informazioni utili

Latitudine: 47.2109112
Longitudine: 18.4513741
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Bory