Castello di Cseszneki (Ungheria)

Transdanubio Centrale     Guarda la lista di castelli in Ungheria

La fortezza risale alla grande epoca post-tartara dell'invasione tartara del 1241-42. Il primo castello fu costruito intorno al 1263 dal portatore di spada reale (ensifer regis) del genere Bána, Jakab Cseszneki, su un picco roccioso eccellente per la difesa. La prima menzione del castello è conservata in una carta del 1281, secondo la quale i figli di Giacomo potevano condividere insieme il castello. Nel 1315 i Csák presero il castello, ma nel 1323 Lampert fu restituito alla tenuta da Mihály Cseszneki e suo figlio János Cseszneki, ma lo vendettero al clan Csák per Pázmándfalu e 100 denari d'argento. Re Carlo Roberto annette l'area ricca di fauna selvatica alle proprietà reali. Nel 1392, Sigismondo di Lussemburgo cedette il castello di Csesznek insieme ai trentuno villaggi appartenenti al suo feudo alla nobile famiglia dei Garai, per i loro possedimenti meridionali. Il castello rimase in possesso della famiglia Garai fino al 1482, anno in cui si estinse il ramo figlio. Re Mattia lo donò al suo tesoriere, István Szapolyai, nel 1483. Fu occupata da Ferdinando I nel 1527, quindi cadde in mani straniere. Csesznek e la sua tenuta furono dati a Pál Bakics, che la possedette fino alla sua morte nel 1537. Per un breve periodo il castello fu anche nelle mani di Bálint Török, poi nel 1540 fu ceduto a István Csaby, che era il capitano in capo di Eger. Successivamente cadde nelle mani delle famiglie Csaby – Wathay.

Verso la metà del XVI secolo, i turchi conquistatori invasero il Transdanubio, dove Csesznek, guidato dal capitano Lőrinc Wathay, difese il paese come fortezza di confine. La sua vita si spense per un tragico incidente, nel 1573 volle sparare un cannone pieno di vecchia polvere da sparo nella sua gioia ubriaca di vino, cosa che il cecchino accanto a lui era riluttante a fare. Il capitano Lawrence gli strappò di mano la torcia, accese lo stoppino e il cannone esplose con un'enorme esplosione, uccidendoli entrambi. Dopo la caduta di Győr nel 1594, il castello cadde in mani turche, ma fu già ripreso nel 1598. Un 16-17. All'inizio del XIX secolo, il castello era di proprietà della famiglia del conte Cseszneky. Nel 1605 si arrese alle truppe di István Bocskai e nel 1619 i capi di Gábor Bethlen, György Haller e Péter Fekete, occuparono il castello. Sulla base della pace di Nikolsburg nel 1622, divenne nuovamente una tenuta reale. Durante la Guerra d'Indipendenza di Rákóczi, nel castello c'era un deposito di munizioni e cibo, ma era anche un luogo di ritrovo per i prigionieri di guerra. Nel 1708 fu assediato invano dagli eserciti imperiali, ma nel 1709 riuscirono a prenderlo.

Dopo la guerra, il ruolo del castello cambiò, il robusto castello in pietra fu trasformato dai Conti di Esterházy in un castello barocco che offriva alloggi confortevoli. Secondo fonti contemporanee, la famiglia aristocratica si trasferì nel 1780, ma il personale schiavo utilizzava ancora i locali, resi del tutto inagibili da un terremoto trent'anni dopo e poi da un incendio. Durante gli scavi nel 1967-69, sono state raccolte informazioni sulle condizioni del castello del XIII secolo, nonostante il fatto che le rovine trovate corrispondano grosso modo alle condizioni del XVI secolo.

Nel 1947, qui furono girate le riprese esterne del castello in Somewhere in Europe.

Le prime vie ferrate dell'Ungheria sono state aperte vicino al castello nell'estate del 2013. La "Strada degli Assedi" è C, cioè di media resistenza e lunga 120 metri, la lunghezza della "Strada Panoramica del Castello" di difficoltà D è di 180 metri, mentre la più difficile (grado E) Zoltán La strada commemorativa di Tálos è lunga 70 metri.

[Fonte: Wikipedia]

Alcune immagini del castello

Altri castelli in Ungheria

Castello di Bory

Transdanubio Centrale

Castello di Eger

Ungheria Settentrionale

Castello di Boldogkő

Ungheria Settentrionale

Castello di Sumeg

Provincia di Veszprem

Informazioni utili

Latitudine: 47.3509969
Longitudine: 17.8812335
Guarda la mappa
Guarda le immagini

La mappa del Castello di Cseszneki